You are here: Home Miniature Wargames Scenari Seconda Guerra Mondiale Lo sfondamento di Agordat

La Piccola Armata

Lo sfondamento di Agordat

(Eritrea, AOI - 30 gennaio 1941)

- Scenario di Alberto Morera -

(Scenario a livello di Battaglione/Reggimento creato per Clash of Armor, giocabile anche, con piccoli adattamenti, con Command Decision, Kampfgruppe Commander, Spearhead)

Agordat_Eritrea_AOI

Africa Orientale Italiana (AOI). Combattimenti sulla linea Agordat-Barentù: lo sfondamento inglese verso Agordat si svolse dal 27 al 31 gennaio 1941. Lo scenario inizia al mattino del 30 gennaio.

Le forze in campo
Agordat era difesa da tre brigate coloniali, riunite in una divisione, in parte sotto organico e provate in quanto reduci da scontri precedenti e/o per aver ripiegato sulla posizione a piedi marciando anche di giorno (chi è stato nel bassopiano occidentale sa quel che significa...).
Integravano la difesa un battaglione CC.NN., alcune unità di artiglieria ed un piccolo reparto carri armati.

Il comando era stato da poco assegnato al colonnello Lorenzini, comandante della IIa brigata coloniale.
Il morale era buono fra la truppa. Gli ascari dimostravano grande coraggio contro la fanteria, incuranti di eventuale inferiorità numerica, ma sopportavano meno il fuoco di artiglieria, carri armati ed aerei, ai quali non potevano rispondere con efficacia. Inoltre la loro prestazione di combattimento era direttamente proporzionale alla qualità del loro comandante.
I comandanti non erano tutti all’altezza della situazione. Rispetto al passato, la necessità di nuovi ufficiali per l’aumento delle unità in vista della guerra aveva imposto di prendere quello che c’era a disposizione, a scapito della qualità. Molti rapporti e memorie di veterani mettono in luce questo aspetto.
Le forze inglesi erano costituite da due brigate indiane (con un battaglione inglese ciascuna) e da un nutrito reparto esplorante (Gazelle force), appoggiati da forte artiglieria, dall’aviazione e da alcuni carri armati. L’impatto morale dei carri Matilda, invulnerabili ai cannoncini degli ascari anche da breve distanza, si rivelò determinante.
La fanteria inglese e indiana era di buona qualità, ma se priva dell’appoggio di armi pesanti non si dimostrava superiore agli ascari.

Il campo di battaglia
Al di fuori dei rilievi illustrati sulla mappa il terreno è pianeggiante, con poche ondulazioni, interrotto solo dal corso di alcuni piccoli torrenti in secca, di scarso ostacolo al movimento. Si tratta di un terreno pietroso, coperto da rade acacie, ad eccezione della zona centrale, definita “cespugli” in mappa, dove la vegetazione è più fitta e fornisce copertura alla fanteria. Il terreno è delimitato a sud e a nord dalle alture più o meno accidentate del Cochen e del Laquetat. Il Laquetat è piuttosto spoglio, mentre il Cochen è coperto da un bosco di acacia ed euforbia. Una caratteristica di questa vegetazione è la scarsa visibilità ad altezza d’uomo (si vede poco oltre i 50 m), mentre un uomo sdraiato, che non ha davanti a sè le chiome ma solo gli esili fusti delle acacie, può vedere molto più lontano. Il terreno fra il Cochen e il Laquetat, pur pianeggiante, non è sempre agevole ai veicoli.

Agordat_Mappa


TERRENO
Il campo di battaglia è raffigurato con un reticolo a maglia quadrata di 50 cm per facilitare la realizzazione.
Visibilità max: 30”, in terreno aperto.
Strade: secondarie.
Edifici: di legno.
Boschi: leggeri.
Cespugli: copertura come i campi di grano (fanteria, casuality: 5).
Trincee: per gli italiani, 4 per le compagnie di fanteria, 2 per i pezzi d’artiglieria da 105 (casuality: 7).
Colline: non a gradoni, ma con cresta (da indicare); sono accidentate (casuality: 5).

REGOLE SPECIALI
Zona di dissestata: fascia di 15’’ tra il Laquetat ed il Cochen.
Impantanamento: tirare 1D10 per ogni azione di movimento all'interno della zona (tirare per plotone), il plotone si impantana per il resto della partita se tira 9 o 10.

TURNI: 15.

SETUP
Vedi mappa.

VITTORIA
Vittoria Maggiore Italiana: gli Inglesi non conquistano nè il Cochen nè il Laquetat
Vittoria Normale Italiana: gli Inglesi conquistano il Cochen oppure il Laquetat
Vittoria Marginale Italiana: gli Inglesi conquistano il Cochen ed il Laquetat
Vittoria Marginale Inglese: gli Inglesi conquistano una collina ed i cespugli
Vittoria Normale Inglese: gli Inglesi conquistano: Cochen, Laquetat e cespugli
Vittoria Maggiore Inglese: gli Inglesi conquistano: Cochen, Laquetat, cespugli, Agordat

Ordini di battaglia ITALIANI

IV Divisione (Col. Lorenzini)

II BRIGATA
Comandante: +3; Span: (3); Attivazione base: 4; Morale: 8; Esperienza: regular
151° batt. coloniale: 2 comp. sul Laquetat, 1 comp. nei cespugli
9° batt. coloniale: sul Cochen, nella metà italiana
4° batt. coloniale: dietro il Laquetat (15’’)

GRUPPO DI MANOVRA
Comandante: +3; Span: (3); Attivazione base: 4; Morale: 8; Esperienza: regular
5° batt. coloniale: dietro il Cochen (15’’)
10° batt. coloniale §motorizzato§: dietro il 5° battaglione
Battaglione Carri (una comp 2 x M, una comp 3 x L): dietro il 5° battaglione

ARTIGLIERIA
Comandante: +3; Span: (3); Attivazione base: 3; Morale: 7; Esperienza: regular
Compagnia AT (2 pezzi 37L40): Posizionamento in prima linea
1° gruppo (2 x 105mm): Posizionamento in prima linea (trincerati)
2° gruppo (2 x 75mm): Posizionamento a discrezione del giocatore
3° gruppo (1 x mort 120mm): Posizionamento a discrezione del giocatore

XLII BRIGATA
Comandante: +3; Span: (3); Attivazione base: 3; Morale: 7; Esperienza: regular
150° batt. camicie nere: riserva tattica (30’’ dietro i cespugli) (attivabile dal 6° turno)
35° batt. coloniale: riserva tattica (30’’ dietro i cespugli) (attivabile dal 6° turno)
[3° batt. coloniale] Non Disponibile

XII BRIGATA
Comandante: +3; Span: (3); Attivazione base: 3; Morale: 7; Esperienza: regular
36° batt. coloniale: in Agordat (fisso finchè non attaccato)
[43° batt. coloniale] Non Disponibile

Composizione dei battaglioni fanteria:
2 Compagnie fanteria (4 plotoni: 3 di fucilieri, 1 di mitragliatrici)
1 Compagnia fanteria (3 plotoni fucilieri)


Ordini di battaglia INGLESI

V BRIGATA INDIANA
Comandante: +4; Span: (4); Attivazione base: 4; Morale: 8***; Esperienza: regular
11° Sikh: sul Cochen, nella metà inglese
1° Punjabis : apendici del Cochen ***morale 7
Battaglione Genieri: alle pendici del Cochen ***morale 7
1° Royal Fusiliers §motorizzato§: dietro il 1° Punjabis
Regg. Artiglieria (2 pezzi 25 pdr): dietro il 1° Punjabis ***morale 7

XI BRIGATA INDIANA
Comandante: +4; Span: (4); Attivazione base: 4; Morale: 8***; Esperienza: regular
2° Cameron Highlanders: sulla strada per Agordat
14° Punjabis: sulla strada per Agordat ***morale 7
5° Maharatta §motorizzato§: sulla strada per Agordat
Regg. Artiglieria (2 pezzi 25 pdr): sulla strada per Agordat ***morale 7

GAZELLE FORCE
Comandante: +4; Span: (4); Attivazione base: 4; Morale: 8***; Esperienza: regular
Skinner’s Horse §motorizzato§: posizionamento a discrezione del giocatore
Sudan Defence Force (2 comp.: 3 x Mg): posizionamento a discrezione del giocatore ***morale 7
Regg. Artiglieria (2 pezzi 25 pdr): posizionamento a discrezione del giocatore ***morale 7

FORMAZIONI INDIPENDENTI
Comandante: +4; Span: (4); Attivazione base: 4; Morale: 8***; Esperienza: regular
Carri (1 comp.: 3 x A12 Matilda II): posizionamento a discrezione del giocatore
Artiglieria (3 pezzi 5.5’’/140mm): posizionamento a discrezione del giocatore

AVIAZIONE
Air Strike (2 x 2 Bristol) (strafe: 12) - Due passaggi: al 5° ed al 9° turno

Composizione dei battaglioni fanteria:
2 Compagnie fanteria (4 plotoni: 3 di fucilieri, 1 di mitragliatrici)
1 Compagnia fanteria (3 plotoni fucilieri)
1 Mortaio 3’’ / 76mm

Composizione dello Skinner’s Horse:
1 Compagnia autoblindo (3 x Dingo )
3 Compagnie fanteria (3 plotoni di fucilieri)